Please select featured categories (for slider) in "Land" admin panel. You can select as much categories as you want.

Salvatore Garau, arriva la testa dell’Anguilla di Marte

441

Written by:

L’artista sardo Salvatore Garau, uno dei protagonisti della contemporary art internazionale, ha terminato un’installazione di 7 metri d’altezza e 3 tonnellate di ferro battuto, chiudendo un progetto iniziato 11 anni fa, quando aveva inaugurato a Santa Giusta (in provincia di Oristano), dove è nato, “Anguilla di Marte”, una scultura di 12 metri, che raffigurava appunto la coda del pesce. Ora all’anguilla spunterà la testa, che sarà collocata in un luogo ancora segreto, ma non lontana dal resto del corpo. E’ possibile, comunque, recarsi presso il laboratorio del fabbro Stefano Piga e vedere alcuni dettagli dell’opera tanto attesa.

La nuova scultura è stata realizzata in due parti che stanno per essere smaltate e saldate. Raffigura una bocca aperta che addenta due teste elleniche del II secolo avanti Cristo, perfette copie del Satiro scoperto sotto la laguna sarda durante gli scavi diretti nel 2009 da Del Vais e Sanna.  «La testa dell’anguilla ha vagato per 11 anni sotto una terra ricca di storia e civiltà», racconta il Maestro sardo, «adesso spunta nervosa, tenendo tra i denti tracce del nostro passato, quasi a voler metterci in faccia chi siamo stati e a ricordarci da dove veniamo: La nostra è stata terra di commercio, di ricchezza e di incontro di tanti popoli».

Garau aveva deciso di realizzare la testa solo quando, tre anni fa, si era trovato di fronte alla ceramica del Giovane Satiro. In quel momento è nata l’idea e il desiderio di realizzare la scultura, dandogli non solo un senso che rispetta il genius-loci, ma anche aprendo l’opera a una lettura che si presta a nuove interpretazioni. 

Conclude Garau: «l’Anguilla di Marte è un’opera che ha il compito di rammentarci che dimenticare le nostre origini è un’offesa al nostro presente che sta già diventando futuro».

Condividi:

Continue reading

Four Seasons hotel Milano riprende il sunday brunch con il “Lead with care”

973

Written by:

“Dal 20 settembre siamo entusiasti di poter di nuovo offrire il nostro brunch domenicale” afferma la general manager Andrea Obertello, forti anche del protocollo “Lead with care”. Di cosa si tratta? Un programma che garantisce sicurezza assoluta ai clienti e al nostro persoonale, aggiornato con le ultime disposizioni sanitarie stilate dal Ministero della salute nella lotta al contrasto del COVID-19″.

E aggiunge: “Tutto il nostro team ha lavorato per continuare a garantire la stessa atmosfera che ha reso il nostro brunch così tanto amato, e “l’experience” rimarrà del tutto invariata”.

Il brunch domenicale invita quindi a trascorrere ore di relax con i propri cari, gustando piatti caratteristici della tradizione del “Made in Italy” curati dal nostro chef Fabrizio Borraccino”, che include primi piatti, selezione di salumi e formaggi, arrosti, gelati artigianali creati dal “pastry Chef Daniele Bonzi “ , cocktail d’autore e tanto altro ancora.

l’offerta è completata da musica dal vivo e, se lo si desidera, da un servizio di baby sitting gratuito per le famiglie.

Dal 20 di settembre, tutte le domeniche dalle 12,15 alle 15.

Condividi:

Continue reading

Lo Yoga al Grand Spa Club del Rome Cavalieri Waldford Astoria hotel an amazing experience

81

Written by:

In un parco mediterraneo privato che si estende su sei ettari di verde incontaminato, con spettacolare vista sulla Roma monumentale e sul Vaticano, il Cavalieri Grand Spa Club si può considerare la più affascinante delle Spa e Fitness in Italia. Il lussuoso club dedica cura particolare alla sostenibilità e alle pratiche di wellness che portino a una perfetta armonia con il pianeta e con se stessi.
Lo Yoga Day, che si celebra il 21 giugno, è l’occasione per un focus su questa disciplina, ma il Cavalieri Grand Spa Club continua a mantenere alta l’attenzione sull’importanza di praticarla costantemente, con un evento speciale che si terrà il 2 e 3 luglio 2022.

Una full immersion tra yoga, mindfulness, cibo salutare e fitness, per ritrovare le energie, entrare in contatto con il proprio corpo e con la natura. Due giorni all’insegna del movimento, della connessione e del divertimento grazie a YOME, una piattaforma online di corsi on demand e live di Yoga, Meditazione, Fitness e Nutrizione. In questa giornata i partecipanti saranno  guidati dai professionisti di YOME: le insegnanti yoga Martina Sergi, Claudia Casanova e Martina Rando, la fitness trainer Valentina Barbieri e lo psicologo e psicoterapeuta Manuel Mauri. Seguendo i ritmi del sole porteranno gli allievi a tonificare il corpo, liberare la mente e riscoprire la forza interiore con pratiche di yoga e meditazione e con lezioni di fitness, che si terranno nel parco mediterraneo del Rome Cavalieri.

La prima sessione, che si terrà nel tardo pomeriggio, inizia con il Sun’s out, bums out di Valentina Barbieri per un workout funzionale total body che prepara alla seconda fase, il Blissful sunset flow con Martina Rando e Manuel Mauri, con focus su flessibilità e mobilità della parte frontale del corpo e del lower body. La lezione si conclude con un momento dedicato al rilassamento e alla meditazione con Manuel Mauri.

A conclusione di questa giornata dedicata alla cura del sè, nulla di meglio di un aperitivo sano e divertente al Tiepolo Terrace, per continuare una condivisione in allegria e armonia.

La mattina seguente apre con The power of the sun con Claudia Casanova e Martina Sergi, una lezione energizzante e stimolante per iniziare la giornata con gioia e positività. A seguire il Voice Yoga con Manuel Mauri, la pratica di meditazione che insegna a utilizzare la voce per liberare la mente, per stare meglio e ritrovare se stessi. A conclusione, il ricco Sunday Brunch del Rome Cavalieri, tra cibo genuino, live station e sublimi prelibatezze dolci e salate coronerà con l’esperienza gustativa questo percorso di benessere e relax.

Il programma

2 luglio:

● 18 -18.30 Sun’s out, bums out con Valentina Barbieri

● 18.30 – 19.30 Blissful sunset flow con Martina Rando e Manuel Mauri

3 luglio

● 9.30 – 10.30 The power of the sun con Claudia Casanova e Martina Sergi

● 10.30 -11 Voice Yoga con Manuel Mauri

I professionisti:

Martina Rando – Yoga & Fondatrice Yome

Insegnante certificata 500h di Hatha e Vinyasa yoga, coautrice del libro Smart Yoga, imprenditrice e content

creator. È una persona creativa che prende ispirazione da altri stili e discipline nella sua pratica e nel suo

stile di insegnamento.

Claudia Casanova – Yoga & Fondatrice Yome

Insegnante certificata di Power Yoga, Vinyasa e Yoga in gravidanza, creatrice di Nusa Mat, imprenditrice e

content creator. Si fa notare per la sua energia, motivazione e positività.

Martina Sergi – Yoga & Fondatrice Yome

Insegnante certificata E-RYT200 e RYT500h in Vinyasa e Power Yoga, conduce workshop, masterclass ed

eventi in tutto il mondo per rendere lo yoga accessibile a tutti. È una persona sorridente, solare e

sognatrice, che cerca sempre il lato positivo nelle cose.

Valentina Barbieri – Fitness

Ballerina di danza classica presso il teatro Carcano di Milano e successivamente amazzone per concorso di

salto ostacoli categoria C3, è una fitness trainer che conquista tutti con la sua carica esplosiva, con lei il

divertimento è assicurato.

Manuel Mauri – Meditazione

Psicologo e psicoterapeuta e insegnante di Yoga e Meditazione certificato. Utilizza la pratica del Mantra e

della meditazione durante i corsi rivolti a professionisti nel campo sanitario e nei ritiri di Yoga e Meditazione

avvalendosi del kirtan, della musica e del canto.

Yome è una piattaforma online di classi e programmi pensati per costruire il proprio percorso di benessere. Una startup digitale tutta al femminile fondata a giugno del 2020 da Martina Sergi, Claudia Casanova e Martina Rando, tre giovani imprenditrici, insegnanti e tra le influencer di yoga più seguite in Italia.

Yome significa your home, uno spazio dove sentirsi a casa, coltivare le proprie passioni e prendere del tempo per sé stessi. Oggi è una community di più di 20 mila persone, che condividono gli stessi interessi e si supportano a vicenda con un obiettivo comune: ritrovare la dimensione umana del benessere. Diversi i contenuti a cui hanno accesso gli utenti della piattaforma: dallo yoga alla meditazione, dal fitness alla nutrizione.

Condividi:

Continue reading

All’Hilton Molino Stucky di Venezia wellness per corpo e mente all’Eforea spa

84

Written by:

All’Hilton Molino Stucky di Venezia la primavera è il momento giusto per dedicare tempo a cura e benessere di se stessi, e l’Eforea spa dell’Hilton Molino Stucky è l’ideale per i viaggiatori veneziani desiderosi di concedersi un po’ di relax per tonificare il corpo e lo spirito. Collocata in un corpo indipendente all’interno dell’edificio di architettura post-industriale sulle rive della Giudecca che ospita l’hotel, l’eforea spa accoglie i suoi ospiti in un’oasi di benessere tra il verde del giardino e la funzionalità delle sale, per ritemprare il corpo e lo spirito affidandosi alle sapienti mani delle terapiste della spa, in un concetto che coniuga semplicità e autenticità. Le sale fitness, la sauna, il bagno turco, la jacuzzi, le sale relax, e le cinque cabine, in cui concedersi i migliori trattamenti, donano un’esperienza di bellezza e benessere totale fanno da sfondo alla costante ricerca dell’eccellenza del wellness, volta ad offrire agli ospiti della spa trattamenti contemporanei e all’avanguardia. L’eforea spa propone un percorso di benessere che viene dalla natura. Ispirato all’antica vocazione della Giudecca, da sempre definita “l’orto di Venezia” per l’alto numero di antichissimi orti tuttora attivi.

Uno dei tanti trattamenti si basa sulle proprietà naturali dell’olio essenziale di Rosmarino e di Pino. E’un massaggio mirato, che lavora sui muscoli in modo delicato ma al tempo stesso profondo, migliora la circolazione ottenendo un potente effetto antistress. L’olio di pino produce anche una sensazione di buonumore, attenua la stanchezza, limita la debolezza del fisico e della psiche, mentre l’olio di rosmarino ha proprietà fortemente drenanti, riduce la cellulite e riattiva la circolazione sanguigna, sciogliendo le tensioni e alleviando così i dolori muscolari.

. Grande attenzione viene dedicata al viso, alla testa e alla base del collo, parti del corpo che sono sempre all’origine di tutte le tensioni, nonché alle mani e ai piedi, lavorando sulle tante articolazioni e distendendo la miriade di piccoli muscoli che compongono le estremità. Per completare il percorso di benessere e relax il trattamento può essere abbinato ad una leggera attività fisica, con una passeggiata alla scoperta dell’isola della Giudecca, abbellita da giardini e orti affacciati sulla laguna. Pochi minuti di camminata veloce e si arriva alla Chiesa del Redentore, che conserva una sorpresa del tutto inaspettata: l’orto giardino dei Frati Cappuccini che ancora oggi gestiscono la chiesa stessa. Alle spalle del convento, infatti, si trova ancora l’antico orto, l’unico ad aver conservato l’estensione originaria di circa un ettaro e coltivato ad ulivi e viti, alberi da frutto, ortaggi ed erbe aromatiche un tempo utilizzate nell’adiacente farmacia. E a fine giornata nulla di meglio di un aperitivo in tema sul rooftop dell’albergo, allo Skyline Bar, dove si potrà tonificare lo spirito ammirando dall’alto la bellezza della laguna con il miglior panorama sul canale della Giudecca (con i suoi giardini) e su tutta Venezia. Si potrà scegliere, tra i tanti drink disponibili, il Mocktail Detox -a base di mela, carota, timo, lime e fever tree ginger beer – o meglio ancora il famoso Stucky-tini al rosmarino, a base di Gin Stucky, -realizzato con 4 botaniche della Laguna raccolte a mano: finocchio di mare, porcellana di mare, enula e santonico – con aggiunta di limone e zucchero al rosmarino, e guarnito con scorza di limone e rosmarino affumicato.

Condividi:

Continue reading

Sulià House Porto Rotondo Curio Collection by Hilton si veste di nuovo con il Pasigà Restaurant by Claudio Melis

126

Written by:

 Sulià House Porto Rotondo, Curio Collection by Hilton, elegante boutique hotel immerso nella natura di fronte al Golfo di Cugnana  riapre per Pasqua, il 13 aprile, ed è una promessa mantenuta già nel nome perché  Sulià, che in sardo significa solare è in una posizione privilegiata, incastonato sulle pendici delle rocce che discendono ripide verso il mare cristallino.

Pasigà Restaurant by Claudio Melis è la grande novità di questo 2022 che vede all’opera Claudio Melis, lo chef stellato di origini sarde famoso per il suo ristorante In Viaggio di Bolzano, che va ad arricchire il panorama gastronomico sardo, infatti è il primo ristorante etico e sostenibile della Costa Smeralda e uno dei pochi di tutta la Sardegna.

Un concetto di cucina fortemente connesso con il territorio, reso contemporaneo dalla creatività dello chef anticipatore di  nuove tendenze declinate in piatti semplici ma al tempo stesso sofisticati. Si tratta di una cucina fresca e colorata, che mette al centro il prodotto locale e la filiera corta, un ristorante bistronomico, in cui l’alta cucina si sviluppa in un contesto conviviale e informale, e si esprime con eccellenza e sostenibilità. Un servizio efficiente e cordiale, una ricca carta dei vini con tanta Sardegna, regione dove terroir e vitigni autoctoni incontrano natura e benessere completano il tutto.

Ogni soggiorno costituisce un’esperienza speciale: 22 eleganti e spaziose camere con vista mozzafiato sul golfo di Cugnana unite all’accogliente piscina privata, al centro fitness e wellness all’ avanguardia, al bar di tendenza e al ristorante gourmet fanno la differenza.

L’ edificio, il cui candore esalta la luce del cielo di Sardegna si inserisce perfettamente nel contesto, l’interior decoration nelle camere, suite e terrazze private attinge al design di avanguardia e ai materiali innovativi, la piscina infine, chicca del boutique hotel, circondata da comode chaise long e accoglienti cabane, è il cuore dell’hotel.  

Condividi:

Continue reading

The “Morning Opera by Hilton”, la new breakfast experience legata al Made in Italy

143

Written by:

Hilton in collaborazione con le aziende alimentari  top italiane, mette a punto“The Morning Opera by Hilton”, il nuovo concetto di breakfast realizzato in molti affascinanti hotel italiani del gruppo. Il progetto è un esempio di rilancio del rapporto fra ospitalità e brand iconici della ristorazione per rendere unico il momento della prima colazione per gli ospiti delle strutture.  E’ noto che un ottimo breakfast contribuisce ad accelerare il metabolismo corporeo regalando quella sferzata di energia necessaria per affrontare la giornata oltre che a migliorare le performance cognitive, ridurre lo stress, e diminuire il rischio cardiovascolare aiutando anche a combattere l’aumento di peso.

 I migliori prodotti – di Lavazza, Bisol1542, Gruppo Sanpellegrino, Parmigiano Reggiano e Negroni, affidati alle sapienti mani degli chef prendono forma e si trasformano,in capolavori, a disposizione dei clienti per un inizio di giornata ricco di gusto e di emozioni. Un’ “experience” che si articola in diversi momenti: debutto con il servizio al tavolo con la Moka e la selezione di caffè Lavazza, per proseguire con la scoperta della proposta di salumi Negroni e con il gusto inimitabile del Parmigiano Reggiano in scaglie o gratuggiato sulle zuppe create dagli chef seguendo il ritmo delle stagioni. Il tutto, accompagnato da Acqua Panna e S.Pellegrino –  e dalle bollicine Bisol1542 che propone agli ospiti una “limited edition” per brindare al nuovo giorno. The Morning Opera , neo brand “made in Italy”, negli alberghi Hilton in Italia è un modo sano di vivere il gusto e il piacere di stare insieme, un nuovo concetto di vero lifestyle, disponibile al Rome Cavalieri, A Waldorf Astoria Hotel, all’Hilton Molino Stucky Venice, all’Aleph Rome Hotel, all’’Hilton Lake Como, all’Hilton Milan e all’ Hilton Rome Airport

Condividi:

Continue reading

Natura Bissè la nuova “experience” di bellezza al Cavalieri Grand Spa club

120

Written by:

L’offerta beauty del Cavalieri Grand Spa Club, centro benessere del Rome Cavalieri, A Waldorf Astoria Hotel, si arricchisce oggi di una selezione di trattamenti personalizzati che vedono come protagonisti i prodotti di Natura Bissè, brand spagnolo. La filosofia di Natura Bissè si sposa perfettamente con lo stile dell’hotel: I prodotti Natura Bissè, infatti, sono nati oltre 30 anni fa dall’intuizione del fondatore Ricardo Fisas, che ha compreso l’importanza delle proprietà degli aminoacidi in forma libera e ne ha sviluppato il loro utilizzo nei trattamenti cosmetici, integrandoli con collagene ed elastina e altri componenti attivi.

 Questo e altro hanno valso a Natura Bissè il ruolo di azienda leader nella cosmesi di avanguardia, e il conferimento di numerosi riconoscimenti internazionali, tra i quali il Premio come Miglior Marchio da Spa al Mondo ai World Spa Awards, per 4 anni consecutivi. Dall’incontro tra Natura Bissè e la Grand Spa del Rome Cavalieri nascono nuovi rituali in grado di donare bellezza e benessere, secondo la filosofia “Enjoy the Wow”. Le terapiste propongono protocolli mirati al conseguimento di risultati concreti, immediati e durevoli. A partire da aprile 2022 saranno disponibili i trattamenti Natura Bissè, per il viso e per il corpo, ma in particolare due rituali signature in esclusiva. Il primo, The Kiss of Good Night Sleep, consiste in un piacevole massaggio relax alla schiena per allentare le tensioni, seguito da un focus sul viso per detergere in profondità la pelle, riequilibrare tutti i principali nutrienti e infine ripararla con una maschera detox, dall’ azione antinquinamento. Il Mediterranean Journey invece celebra l’energia degli agrumi e delle piante officinali delle coste del Mare Nostrum, per energizzare tutto l’organismo, ricaricandolo ed eliminando i danni causati dai radicali liberi con la forza della Vitamina C e di certe essenze esperidate e botaniche.

Condividi:

Continue reading

Rocca apre all’aeroporto di Linate

134

Written by:

Il top retailer premiato per l’eccellenza nel settore della distribuzione di gioielli e orologi d’Alta Gamma, inaugura un punto vendita presso l’aeroporto di Linate. All’interno della boutique, grazie all’assistenza di personale specializzato, viaggiatori e appassionati avranno la possibilità di acquistare le creazioni di alta gioielleria del Gruppo Damiani (Damiani, Salvini, Calderoni e Bliss) così come noti brand di orologeria (Hublot, Panerai, Tudor, Tag Heuer, Longines, Tissot, Gucci and Swatch). IL personale addetto alla vendita soddisferà appieno le esigenze e i desideri di ogni cliente, la loro formazione al top è uno dei punti di forza di Rocca.

Condividi:

Continue reading

Women’s Collection fall/winter 2022/23 ai blocchi di partenza

133

Written by:

La Milano Fashion Week Women’s Collection 22/28 febbraio 2022, realizzata con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e di ICE-Agenzia prevede 190 appuntamenti: 69 sfilate (2 doppie sfilate), di cui 60 fisiche e 9 digitali, 101 presentazioni (86 fisiche e 15 digitali), 8 presentazioni su appuntamento e 12 eventi.

 Questa edizione della Fashion Week milanese segnerà il ritorno in calendario di Bottega Veneta, Diesel, Gucci, Trussardi e Plein Sport. Inoltre lo schedule della settimana si arricchirà anche di una serie di brand presenti per la prima volta nel calendario della Milano Fashion Week Women’s Collection: AC9, Ambush, Andreadamo, Aniye Records, Capasa Milano, Cormio, Ferrari, Han Kjøbenhavn, Husky, Palm Angels e Tokyo James.

Nel calendario delle presentazioni ritorna La Doublej e troveranno invece spazio nuovi brand per la prima volta in calendario, Max&Co Collaboration with Efisio Rocco Marras; Weekend Max Mara “Habito” by Patricia Urquiola; Francesco Murano (“Who is on next” vincitore 2020 nella categoria womenswear); Luciano Padovan; MISS SOHEE Supported by Dolce&Gabbana; Balestra; Durazzi Milano (digitale); Cukovy; Andrea Incontri; Ramzen; Bloke; SA SU PHI; Edoardo Gallorini, Tu Lizè, Vaishali S, Cancellato Uniform (digitale), Antonio Ortega e Giorgiandreazza.

In linea con il percorso delineato in questi ultimi anni, CNMI questa stagione darà ancora più spazio al tema della promozione dei talenti emergenti, con una serie di iniziative focalizzate a dare visibilità alla nuova generazione di designer italiani e internazionali. Per il 2022, il Camera Moda Fashion Trust, la prima philantropic fashion community italiana, rinnova il suo impegno per la nuova generazione di designer made in Italy lanciando un bando aperto a brand indipendenti che, una volta selezionati da una giuria internazionale, avranno la possibilità di contare su un programma di supporto finanziario, business mentoring e one-on-one tutoring. La realizzazione di questo progetto è resa possibile grazie al supporto di Scalapay e MAX&Co. (in copertina,-Roberto Cavalli preview S/S 2022. Foto sotto, da sinistra a destra: Prada, Moncler, Louis Vuitton F/W 2022.

Condividi:

Continue reading

Pellegrini Spa chiude un 2021 da record il fatturato sfiora quota 20 milioni grazie al boom dello champagne

187

Written by:

Pellegrini Spa, azienda bergamasca attiva dal 1904 che importa da tutto il mondo e distribuisce (da ogni regione italiana) vini e distillati (lo scorso anno ha visto un’estate di ripresa per il canale Horeca) chiude un 2021 con il “botto” registrando numeri in crescita sia in termini di fatturato che di nuovi inserimenti a catalogo. Dopo un 2020 che ha registrato una flessione del 28%, l’azienda di Cisano Bergamasco ha recuperato con un +58% rispetto al 2020 che ha spinto il fatturato a 19,8 milioni di euro. La crescita del 2021 supera del 29% anche l’ultimo dato pre pandemia.

La crescita è stata trainata da una vera e propria impennata nelle vendite di spumanti e champagne, anche per questo Pellegrini ha scelto di proporre nuove etichette inserendo a catalogo produttori in linea con la filosofia che lo contraddistingue da sempre, la ricerca costante di prodotti d’eccellenza.

Pietro Pellegrini, oggi Presidente e Direttore commerciale di Pellegrini Spa,ha studiato alla Scuola Enologica di Alba (Cn), è un esperto,  e conosce a fondo questo mondo che va dalla vigna alla tavola.

Un’azienda con una competenza secolare, attraverso la quale si è sviluppato un solido rapporto di partnership con le case vinicole, con il valore aggiunto dell’essere anche produttori: dagli inizi degli anni ’60 infatti la famiglia Pellegrini conduce la Fattoria di Petrognano, a Montelupo Fiorentino (Fi) azienda vinicola dalla forte connotazione toscana.

Per saperne di più abbiamo intervistato Pietro Pellegrini.

Nel 2021 in piena pandemia avete raggiunto un fatturato record che sfiora quota 20 milioni grazie al boom dello champagne. Come si spiega, è proprio il caso di dirlo, questo “exploit”?

L’exploit delle vendite di Champagne e, aggiungo, di tutti i cosiddetti “fine wines”, è sicuramente uno dei segnali più forti della voglia di ripartire dopo il periodo buio causato dalla pandemia. Certamente aiutato da una maggiore propensione alla spesa, almeno per tutti coloro che nei mesi precedenti avevano di fatto risparmiato, con particolare riferimento alle cose che possono soddisfare quei  piaceri negati per troppo tempo. Tra i quali un’ottima bottiglia, non più da soli o quasi, ma spinti dal desiderio della condivisione, grazie ad una ritrovata convivialità. Vorrei sperare però che il nostro exploit del 2021 sia anche dovuto alla selezione dei prodotti distribuiti, risultato di tanti anni di lavoro appassionato.

Quali sono i criteri e le tipicità che deve avere un’azienda vitivinicola per essere distribuita da voi?

Deve principalmente essere un vero progetto “agricolo”, fortemente identitario del territorio di produzione e con uno stile preciso ed identificabile. Il nostro obiettivo non sono i grandi volumi ma la grande qualità. Non seguiamo le tendenze o le mode, presenti anche nel mondo del vino, ma progetti veri e che soprattutto credano fortemente nella “distrubuzione”, rappresentata per loro dalla nostra azienda come unico partner commerciale per il mercato nazionale.  

Che valore aggiunto da’ essere proprietari e condurre un’azienda vinicola importante anche per dimensioni come la Fattoria di Petrognano, in Toscana? Le etichette dei vostri vini sono in catalogo?

Petrognano fu acquistata da mio nonno nel 1963. Da allora il mondo del vino ha subito cambiamenti enormi, in linea con quanto è successo dagli anni del boom economico in poi. Ho studiato enologia ad Alba e, iniziando ad occuparmi dell’azienda della famiglia negli anni 80, ho vissuto tutti i momenti che hanno portato il vino dall’essere semplicemente bianco o rosso e onnipresente su tutte le tavole italiane a quello che invece è e rappresenta oggi. Essere enologo e produttore di vino di qualità a Petrognano in Chianti significa potersi mettere sullo stesso piano degli altri produttori distribuiti, parlare la loro stessa lingua, vivere e capire i loro medesimi problemi. Ovviamente, Petrognano è una delle aziende distribuite da Pellegrini sul territorio nazionale. 

Si parla tanto di Customer Relationship Management cioe’ del potere del cliente al centro, cosa fate voi n questo senso?

Facciamo quanto è nelle nostre possibilità, chiedendo il massimo a tutti coloro che lavorano in azienda e a tutta la rete commerciale, costituita da 6 capi-area e da circa 150 tra agenti e sub-agenti in Italia. Vorrei però aggiungere quanto per noi sia sempre stato molto importante il rapporto a monte, con tutti i produttori distribuiti. Troppo spesso si pensa solo al “cliente” preoccupandosi troppo poco del “fornitore”.

Vendete i vostri vini anche online? E se si, sono gli stessi che vendete normalmente su catalogo o di altro tipo?

Non abbiamo e-shop aziendale. E’ una scelta voluta, che vuole difendere il ruolo dei nostri clienti, in particolare di quelli che operano principalmente con portali di vendite online.

Champagne a parte, quali etichette di vini e distillati sono preferiti in genere più di altri? Hanno piu’ successo i rossi o i bianchi?

Negli ultimi anni abbiamo notato una crescita dei vini bianchi rispetto ai rossi, che in precedenza rappresentavano la maggior parte delle vendite soprattutto nella fascia più alta di prezzo. Un pò perché oggi anche in Italia si producono grandi vini bianchi e poi perché sono cambiate le  abitudini degli italiani rispetto al cibo. Nei vini rossi sono più apprezzati la finezza, l’eleganza e l’equilibrio rispetto alla concentrazione e alla struttura. Per quanto riguarda i distillati mi sembra di percepire un ritorno al classico, ai grandi distillati di vino e anche ai grandi whisky, pur mantenendo una quota importante tutto il mondo dei rum.

La vendita dei vini è legata a un fatto “stagionale”?

Sicuramente la stagionalità ha una certa influenza. Ad esempio i vini rosati sono ancora fortemente legati al consumo estivo. Se però ci riferiamo in particolare allo Champagne e ai vini spumanti, le vendite, che erano principalmente legate alla regalistica di fine anno e ai momenti di festa, oggi coprono tutto l’arco dell’anno, senza influenza stagionale alcuna.

Si parla tanto di sostenibilita’ in tutti i campi, voi come azienda la osservate nel condurre la vostra azienda? E se sì in quale modo?

Abbiamo da diversi anni produzione di energia pulita grazie a due impianti fotovoltaici totalmente integrati sulle coperture dell’azienda. La quasi totalità delle aziende a catalogo utilizza criteri di coltivazione totalmente rispettosi dell’ambiente e dell’ecosistema. Cerchiamo anche di dare consigli ai produttori distribuiti che vadano nella direzione della sostenibilità, ad esempio con l’utilizzo di vetri e imballi meno pesanti, consentendo così risparmi energetici nelle fasi di trasporto e stoccaggio.

Da molto tempo da grossisti siete diventati distributori e questo ha allargato notevolmente i vostri orizzonti. Che criteri usate per selezionare vini e distillati che nascono in aziende estere così tanto lontane da voi sul territorio? Come fate ad essere sicuri dell’eccellenza del prodotto? Le aziende sono tutte certificate?

I criteri di selezione delle aziende estere non sono diversi da quelle nazionali. Ancora una volta si tratta di progetti agricoli fortemente identitari dei diversi territori di produzione. Quasi tutte le aziende estere a catalogo, con esclusione di poche e molto lontane, sono state visitate e conosciute, sia a livello di vigna che di cantina, condividendone i progetti, nel medio e lungo termine. La maggior parte delle aziende distribuite hanno la certficazione biologica per la parte agricola e molte anche per la parte produttiva di cantina. Diverse sono certificate biologico-dinamiche ed altre ancora hanno certificazioni legate ai diversi stati di appartenenza.   

Condividi:

Continue reading

“Untitled”by Tancredi Fornasetti in mostra all’Aleph Rome Hotel Curio Collection by Hilton

144

Written by:

 L’Aleph Rome Hotel, Curio Collection by Hilton, premiato come miglior luxury design hotel in Italia dal prestigioso World Luxury Travel Award, e’ da diverso tempo sede di prestigiosi eventi d’arte contemporanea, curati dalla gallerista Gabriella Perna. Dopo il successo dell’esposizione di opere di Tommaso Cascella, Giuseppe Modica e di Pino Procopio,,l’Aleph Rome Hotel inaugura adesso“Untitled”, personale di Tancredi Fornasetti.

Le opere, 12, sono fedeli alla tecnica pittorica intellettuale e astratta dell’artista. Geometrie e architetture ora razionaliste degli anni ’30, ora metafisiche con qualche ispirazione a De Chirico dominano nelle sue tele: il concetto di “astrazione”, in Tancredi, è molto generale ed è declinata sulla percezione di un’ artista cresciuto  a stretto contatto con video, giochi e mondo digitale mischiati, sotto forma di colori nei suoi pennelli insieme ai paesaggi romani e alla passione dell’artista che si esprime.

Tancredi Fornasetti, è un pittore romano, tra i più significativi del panorama contemporaneo. Molte le mostre personali, tra cui ricordiamo “La città In-Vivibile” a Milano, presso Galleria Mario Giusti HQ, “Broken Up City” a Parma presso la Galleria Art&Co, “16 bit” a Roma presso Galleria Medina e la mostra virtuale “Tancredi Fornasetti: Between Pop Art, Abstract and Geometry” a cura de La Maison de La Petite Sara.

Condividi:

Continue reading

A San Valentino top “experience” al Rome Cavalieri, Waldorf Astoria Hotel

175

Written by:

San Valentino e’alle porte, e il Rome Cavalieri, a Waldorf Astoria Hotel, autentico resort nel cuore di Roma tra prelibatezze culinarie, cocktail speciali, relax alla Grand Spa e molto altro è pronto ad accogliere gli innamorati, che soggiornando in una della meravigliose camere o Suite avranno un’ottima occasione per regalarsi momenti intimi e di relax.

Quest’anno il Rome Cavalieri ha creato due iniziative. La prima è un percorso tra stile e creatività, realizzato in collaborazione con l’Antica Manifattura Cappelli, riconosciuta bottega storica di Roma. Accolti con un cocktail di benvenuto, potranno scoprire i segreti della realizzazione di un cappello interamente fatto a mano, visiteranno il laboratorio dove verranno loro svelati segreti e aneddoti legati a questo mestiere, per poi assistere alla realizzazione dell’accessorio. Tra la miriade di proposte, si potrà sceglierete modello, colore e materiale, e che daranno vita al cappello Fedora personalizzato. Una foto ricordo finale e la consegna al Rome Cavalieri o direttamente a casa completeranno questa bella esperienza di coppia.

 La seconda è la Bubble Bath Experience, in cui i benefici di un bagno di bolle si possono ottenere in un momento di condivisione e divertimento. L’esperienza del Bubble Bath si si svolge nelle splendide Suite dell’albergo, che dispongono di modernissime Jacuzzi come nelle Suite Penthouse e Planetarium. La vasca è preventivamente preparata dalle terapiste della spa alla temperatura ottimale, e l’acqua arricchita con olii essenziali.

 Ci si immerge nella vasca e si gode dei benefici delle bolle dell’idromassaggio, brindando in allegria con il partner. A seguire, il Room Service allestirà nella suite un sontuoso aperitivo. Calici di bollicine, mixology innovativa, gustosi finger food nelle declinazioni più originali, per completare il relax del bagno di bolle, con il più spettacolare panorama sulla Città Eterna.

Non manca la cena al ristorante 3 stelle Michelin La Pergola, diretto dallo Chef Heinz Beck, con il menù speciale creato ad hoc, Tortellini ripieni di frutta secca con carciofi e tartufo nero, Capesante con cavolfiore selvatico e melassa di melograno, Piccione con scorzanera e fungo al fieno e poi lo speciale dessert di San Valentino. Il tutto, accompagnato, dalle prestigiose etichette provenienti dalla cantina de La Pergo dalla musica dal vivo .

 Per un appuntamento più casual  c’ è un “Apericena d’Amore” sulla meravigliosa Terrazza degli Aranci con musica dal vivo e il menù a cura dell’Executive Chef Fabio Boschero e dell’Uliveto Team, tra Sushi bar, l’Angolo dei crudi, l’Angolo del cuore e Piatti al bacio, tra cui Gnocchetti con scampi, zafferano e polvere di prezzemolo, e Bocconcini di pollo al cuore morbido di Taleggio e speck. Per finire, una deliziosa selezione di dessert di San Valentino a cura dell’Executive Pastry Chef Dario Nuti, tra cui la Perla frizzante fragola e champagne e il Bacio di dama piccante al cioccolato. E per gli amanti della Mixology nella meravigliosa cornice del Tiepolo Lounge, circondati dalla collezione d’arte dell’albergo, si potrà gustare l’Elixir d’Amour, un seducente cocktail con note di Vodka Grey Goose e liquore Creme de Violette, impreziosite da olio essenziale al mandarino verde.

Condividi:

Continue reading